CONCESSIONARIA AUTOLIGURIA

CONCESSIONARIA DF

LA RESINA SULLA CARROZZERIA? KO IN SEI MOSSE, FORSE SETTE

blog_4_resina

Potrebbe capitare alla vostra auto di combattere contro un nemico che una volta che vi “attacca” non vi molla più. Stiamo parlando proprio di lei: la resinatemibile miscela che vernice e vetri (insieme a te) non vorrebbero mai vedere.

Un nemico appiccicoso, un’insopportabile sporcizia che non si “stacca” più dalla vostra vernice metallizzata e che -se non trattata bene- potrà farvi dannare. Una miscela che una volta prodotta da una pianta si essicca all’aria e secca sulla vostra vernice. Non dirmi che non ti è mai capitato di parcheggiare la tua auto all’aperto, sotto un albero che trasuda di resina e trovarla con numerose macchie sulla carrozzeria. Niente improperi, botte sul cofano o danze della pioggia: nulla è perduto. Di seguito alcuni consigli fai da te e soprattutto le buone pratiche per non peggiorare la situazione. E ricorda: se hai dubbi o paura di far danni vai di corsa dal carrozziere. Con lui la resina non andrà solo al tappeto, ma scomparirà proprio dall’auto. Nessuna magia, solo più esperienza.

Come agire. (E soprattutto cosa non fare!)

1# Se la resina ti dichiara guerra tu punta sulle armi da precisione. Esistono prodotti specifici per la rimozione di depositi leggeri e diffusi di resina dalla carrozzeria e da tutte le superfici dell’auto: parliamo pure di vetri e parti metalliche. Si vendono nei negozi di accessori auto e nei supermarket: contengono anche speciali sostanze che ammorbidiscono e solubilizzano i residui organici lasciati da insetti e moscerini.

2# Morbidezza, per piacere. La vernice dell’auto è un po’ come la tua pelle: serve delicatezza quando si fa un qualsiasi trattamento. Quindi, ok ai prodotti rimuovi-resina, ma da associare a panni morbidi, come quelli di daino. Vedrai che con due “coccole” la resina andrà piano piano via. E poi l’hai mai visto Hulk che rimuove la resina?

3# Gel o spray. Quali solventi che sono in vendita? Di solito, si tratta di gel speciali, o di spray. Ne esistono di diversi prezzi, ma con pochi euro dovreste cavarvela senza finire sul lastrico. Anche qui solita raccomandazione: la forza bruta di Rambo non è richiesta.

4# Olio di oliva. C’è anche chi preferisce soluzioni più artigianali e naturali: olio di oliva, da stendere con un panno di daino (possibilmente non vivo). Altri prediligono due cucchiai di bicarbonato sciolto in acqua. Però, rispetto ai prodotti chimici, si deve lavorare di più di gomito. D’altronde un po’ di esercizio fisico non guasta mai.

5# Mai raschiare. Non tentate di eliminare la resina con il raschietto che utilizzate contro il ghiaccio; e a nulla serve bagnare la resina per poi utilizzare un qualsiasi oggetto: l’unico risultato è una serie di graffi sulla carrozzeria che non vanno più via. Vuoi il danno raddoppiato? Oltre la resina, anche la beffa proprio no.

6# Acetone? No grazie. Occhio anche ai solventi fai-da-te, come l’acetone: magari la resina va via, ma con questa sparisce pure la vernice, che è ancora più delicata se metallizzata. A meno che non si voglia una vernice a prova di coccinelle e dalmata.

7# In carrozzeria, e di corsa. Consiglio pratico per gli uomini: l’orgoglio non serve né con le donne e neppure con le auto. Se ti accorgi di stare rovinando la vernice nel tentativo di eliminare la resina, metti da parte l’orgoglio e corri dal carrozziere di fiducia per chiedere un aiuto o un semplice consiglio. La scelta più ovvia, a volte, è anche quella più giusta.

Comments are closed.



Credits

Autoliguria srl - via Nizza 18R P.IVA 01283050092

Web and design Delfino&Enrile Advertising