CONCESSIONARIA AUTOLIGURIA

CONCESSIONARIA DF

ALFA ROMEO GIULIA: IL RACCONTO DI CHI L’HA GUIDATA…

alfa-romeo-giulia-prova_01

Alfa Romeo Giulia: guidarla per credere. E allora non poteva mancare la testimonianzia di chi -come Antonio Viotto e moglie Marisa- hanno voluto mettersi al volante per apprezzare al meglio la “nuova arrivata”. Buona lettura!

“Ecco infine la Giulia, la recente novità dell’Alfa a lungo vezzeggiata e corteggiata, dallo stile più provocatorio e corsaiolo, caratterizzata dal muso compatto e grintoso, dal cofano discendente verso lo scudetto triangolare, il simbolo storico dell’Alfa Romeo.

Dietro la caratteristica coda corta e rastremata, mozzafiato, derivata dalle esperienze sportive della gestione corse della casa. Ricorda l’antenata Giulia degli anni sessanta , creata dall’Ing. Carlo Chiti dell’Autodelta “Disegnata dal vento”, come rimarcava la reclame del tempo. Ed era vero!

Tale soluzione ha permesso di ottenere un coefficiente di penetrazione pari a cx=0,25, record della categoria, con effetti positivi in ripresa e in velocità.

Ecco le caratteristiche: motore a 4 cilindri in linea di circa 2,2 litri, 4 valvole a V per cilindro, doppio asse a camme in testa , tutto in alluminio, potenza : 180 cavalli. Sospensioni anteriori indipendenti a doppi quadrilateri alti; posteriori ad assale rigido a bracci multink , a 4 leve e mezzo, molle elicoidali e barre stabilizzatrici davanti e dietro. La trazione è posteriore come le vere “Alfa, apprezzatissime, il cambio a sei marce a leva corta e a portata di mano, ad innesti diretti e precisi .

Velocità max : oltre i 200 orari, più che sufficiente!

Appena al volante si apprezzano il senso di compattezza della carrozzeria , da vera vettura sportiva, come pure il generale senso di robustezza che traspira da ogni componente meccanico, al giusto equilibrio e all’ottima manovrabilità dell’insieme cambio, pedaliera e volante. Abbinate all’elevata docilità dello sterzo attribuibile alla trazione posteriore , ma anche all’equilibrata ripartizione dei pesi al 50% tra anteriore e posteriore.

In conclusione, un’ottima vettura dotata di un’elevata tenuta di strada e buona velocità di crociera, oltre a bassi costi di esercizio nel caso della versione “diesel” provata.

Il viaggio con la Giulia Super colore bianco mi permise di apprezzarne la guida docile ma pronta e scattante , con poco rollio , in più il rombo tipico e intramontabile del bialbero Alfa Romeo che il gran motore emette. Indimenticabile l’atmosfera che regna tutt’intorno , quella nostalgica dell’ appassionato Alfista del tempo andato!”.

                                                                         Antonio Viotto

Comments are closed.



Credits

Autoliguria srl - via Nizza 18R P.IVA 01283050092

Web and design Delfino&Enrile Advertising